Psicomotricista Parma Ilaria Civa Delfonte

La terapia psicomotoria è un trattamento riabilitativo che ha lo scopo di prevenire, mantenere o ristabilire i meccanismi delle funzioni percettivo-motorie, mentali, comportamentali e relazionali dell’individuo in rapporto con il suo ambiente. L’intervento psicomotorio ha una spiccata connotazione preventiva: favorisce infatti le condizioni per cui il bambino può crescere senza sperimentare o prolungare quelle situazioni di difficoltà e di disagio che sfociano poi nel disadattamento, nel disturbo (psicoaffettivo o cognitivo) o nella patologia.

L’obiettivo dell’intervento psicomotorio è di promuovere il benessere e la salute, di prevenire la difficoltà, il disturbo o la patologia. In questo contesto lo psicomotricista, pur mantenendo una specificità professionale, si colloca innanzitutto nell’ambito educativo e quindi scolastico e poi anche in quello socio-sanitario. Se gli obiettivi di aiuto alla crescita sono comuni tra psicomotricisti, educatori ed insegnanti, le funzioni si differenziano per presupposti e per tecnica.

Guarire la mente grazie al corpo, ecco cosa fa la psicomotricista Parma

L’approccio psicomotorio si attua nel rapporto tra il corpo e i processi psichici nella costruzione dell’identità attraverso la via corporea, nonché il rapporto tra corpo ed espressivitàricorrendo quindi al movimento, al tono, alla postura, al gesto, allo sguardo, all’uso degli oggetti, dello spazio, ecc.) Lo psicomotricista pertanto interviene nella relazione con metodologie psicomotorie (attività percettive, cognitive, ludico espressive, rilassamento, comunicazione non verbale, ecc.) per favorire in primo luogo il processo di integrazione fra i diversi piani espressivi e conoscitivi che stanno alla base di quel fenomeno complesso che è la costruzione dell’identità.

Lo psicomotricista è l’operatore sanitario che svolge su prescrizione medica gli interventi di prevenzione, cura, riabilitazione nella équipe sociosanitaria o in contesto di libera professione. Lo psicomotricista prende in carico la globalità psicofisica dell’individuo, e nel suo intervento utilizza metodi e tecniche a mediazione corporea.

Le connessioni tra corpo fisico e corpo psichico, il lavoro della psicomotricista Parma

Il linguaggio non verbale è il primo e principale mezzo di comunicazione: fin dalla prima infanzia, felicità, dolore, bisogni e affettività vengono manifestati tramite gesti, smorfie e atteggiamento fisici, laddove non è ancora possibile esprimersi tramite la parola oppure essa risulta insufficiente. Per questo motivo, sia gli adulti che i bambini possono trovare difficoltà nel prendere coscienza delle dinamiche psichiche più profonde, quelle che rimangono inespresse e trovano manifestazione solo nel corpo. Su questa base si sviluppano le tecniche della psicomotricità, una disciplina che studia le corrispondenze tra la sfera interiore e quella fisica per lavorare in modo mirato su determinate zone del corpo e favorire una nuova consapevolezza di sé, più sottile e completa.

L’esercizio, il movimento, la percezione dello spazio, l’osservazione del corpo, delle sue parti e delle sue funzioni non vengono intese come attività esclusivamente fisiche, ma influiscono positivamente sull’umore e sull’equilibrio della persona. Ilaria Civa Delfonte, esperta psicomotricista di Parma, è un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano approfondire e mettere in pratica un nuovo approccio alla totalità di corpo e psiche, per sciogliere le tensioni accumulate, vincere la depressione e migliorare l’autostima.

 

Una disciplina poliedrica

La psicomotricità, attraverso una serie di esercizi che stimolano il corpo e la mente, si propone di fornire alla persona un nuovo punto di vista su se stessa, dal quale indagare con maggior consapevolezza le proprie dinamiche interiori e le loro rispondenze sul corpo. Adatta ai bambini come agli adulti, questa disciplina può rappresentare un valido strumento nella rieducazione del movimento, della gestualità e della postura, assumendo un ruolo importante per problematiche psicomotorie correlate ad esempio all’Alzheimer o per problemi psicologici come la depressione. Anche in ambito pedagogico, la psicomotricità si rivela un efficace metodo per uno sviluppo equilibrato dei bambini: il ritmo, la danza libera e il movimento nello spazio favoriscono una corretta espressione corporea e liberano impulsi, emozioni e pensieri inespressi. Presso lo studio di psicomotricità a Parma della Dottoressa Ilaria Civa Delfonte è possibile intraprendere percorsi di attività psicomotoria specifici, definiti sulla base delle difficoltà della persona, partecipare ad incontri di gruppo ed approfondire i temi e le tecniche più indicati per ogni problema.